Regolamento di Scalo
Regolamento di Scalo

In ottemperanza a quanto previsto dall'art. 2 comma 3 del D.L. 8 settembre 2004 n. 237, convertito con legge 9 novembre 2004 n. 265, ai sensi dell'art. 705 del Codice della Navigazione, come riformato con D. lgs. 96/05 ed in conformità alle disposizioni di cui alla Circolare ENAC APT 19 del 26 ottobre 2005, è predisposto il Regolamento di Scalo dell' Aeroporto di Reggio Calabria.
Il documento, predisposto dal Gestore e adottato con nota n°3925 del 26/11/2012 della Direzione Aeroportuale di Reggio Calabria, contiene la raccolta di regole, procedure e criteri che disciplinano l'attivazione e l'esecuzione dei processi correlati alle attività aeroportuali al fine di assicurare il coordinato e regolare utilizzo delle infrastrutture e degli impianti nel rispetto degli standard di qualità e di sicurezza prescritti dalle normative nazionali ed internazionali vigenti.
Al fine di disciplinare le attività dei soggetti che operano in Aeroporto, le procedure approvate ed applicate nei processi considerati costituiscono parte integrante del Regolamento di Scalo.

Il presente Regolamento ha lo scopo di:

  • disciplinare le attività operative, a garanzia del loro regolare svolgimento, nel rispetto degli standard di servizio stabiliti, della legislazione vigente e a tutela della sicurezza dello scalo;
  • disciplinare l'utilizzo, da parte di tutti gli operatori aeroportuali, degli spazi, delle infrastrutture e dei servizi aeroportuali;
  • precisare le modalità tramite le quali infrastrutture e impianti vengono messe a disposizione degli utilizzatori;
  • disciplinare le varie attività, in particolare quelle che si svolgono nelle aree di uso comune, a seguito dell'entrata in vigore del D. Lgs. 18/99 riguardante la liberalizzazione dei servizi di assistenza a terra negli aeroporti della Comunità Europea;
  • prevedere specifici obblighi per tutti i soggetti che operano in aeroporto;
  • riportare i provvedimenti operativi e le procedure di accertamento delle infrazioni.

In quanto strumento di raccolta di procedure operative di scalo, il regolamento non contiene riferimenti a tariffe di servizi, fornite a qualsiasi titolo nello scalo. Qualora gli operatori aeroportuali ritenessero opportuno provvedere attraverso proprie procedure all'attuazione delle disposizioni e norme contenute nel Regolamento, tali procedure non potranno essere in contrasto con il Regolamento di Scalo in vigore.

Le procedure predisposte dal Gestore Aeroportuale potranno essere oggetto di consultazione con il Comitato degli Utenti aeroportuali per la formulazione di suggerimenti e indicazioni al Gestore stesso.

Sulla base degli specifici obblighi contenuti nel Regolamento, tutti i soggetti che operano in ambito aeroportuale (sia pubblici sia privati) si impegnano a formare il proprio personale sul contenuto del Regolamento stesso, sull'esigenza del rispetto delle regole stabilite e sulle conseguenze derivanti dalla loro inosservanza, garantendo l'esercizio delle loro attività secondo le previsioni del Regolamento: essi sono, pertanto, responsabili delle azioni ed omissioni sulle attività di loro competenza.

I rapporti derivanti dall'applicazione del presente Regolamento sono regolati dalla Legge italiana. Per quanto non espressamente previsto nel presente atto, valgono le disposizioni legislative ed i regolamenti amministrativi vigenti.

REGOLAMENTO DI SCALO:
File Pdf Regolamento di Scalo - (Pdf 1,2 MB)

SOGAS - Pubblicità in Aeroporto